A proposito di:

interculturalità - scuola - letture - frivolezze - risparmio - letteratura greca - creatività - viaggi - giardinaggio .. e bizzarrie varie.

giovedì 25 novembre 2010

Gonne, culi e sellini

Premessa: no, non è un post su Berlusconi, come l'eloquente titolo potrebbe far pensare.

Ve lo racconto per dilettare le vostre tarde mattinate con un esilarante, tinnica, figura di merda che meriterebbe quasi un video divulgatore alla "Paperissima".

Stamattina Tinni indossa una graziosa gonnellina marrone a palloncino, di velluto quindi piuttosto stretta (è un po' l'unico modo con cui noi Tap Model possiamo dare una falsa impressione di longilineità), ed essendo finalmente uscito il sole, è andata in Università in bici. Al momento di scendere, arrivata al parcheggio, è però accaduto il fattaccio imbarazzante: la gonna, che mentre Tinni sedeva sul sellino si era agganciata alla parte posteriore di esso, è rimasta in tale posizione e quando l'intrepida si è messa in piedi, è rimasta incastrata nel sellino in una maniera che è effettivamente un po' difficile da descrivere, ma che nella realtà, quella vera, dove la gente passa per strada e ti vede, non lasciava nessuna via di dis-impigliamento. Tinni è quindi rimasta lì in piedi con la gonna arricciata intorno al sellino, senza riuscire a rimettersi in sella senza strappare la gonna, con lo zaino pesante in spalla, a chiedere aiuto all'anima pia che grazie al cielo era con lei (altrimenti si partiva con le richieste d'aiuto ai passanti, non oso immaginare con quali risultati), la quale ha provveduto ad alzarle la gonna finché non fosse lasciato alcun dubbio nei presenti sul colore delle mutandine e, tira di qua, tira di là, il disincrastramento è riuscito.
Nulla di ché, tutto qui, ma sfido i miei 13 lettori nonché votanti a raccontare che una roba simile sia capitata anche a loro.
E comunque, già che siamo in tema, se lanciassimo uno spunto di commento sulle peggiori figure di merda mai collezionate nel corso della nostra esistenza?

8 commenti:

  1. Io, in una franata troppo impetuosa in bici, rischiai di evirarmi andando a sbattere nel tubo di innesto al telaio del manubrio. Per fortuna non mi vide nessuno.

    Per quanto riguarda f.d.m. basti pensare che ho dei problemi a ricordare nomi e facce e fare le dovute associazioni, specialmente con persone che vedo raramente. A volte mi sento come Wiener al numero 6 di questa pagina:
    http://utenti.quipo.it/base5/latocomi/comperso.htm
    (N.B.:Il nome di Wiener è scritto sbagliato in quella pagina)

    RispondiElimina
  2. bellissimo commento! grazie per aver messo a nudo il tuo rischio evirazione e anche per l'esilarante link!

    RispondiElimina
  3. Gonne e sellini raramente vanno d'accordo... Quanto alla mia peggiore f.d.m., una volta ho mangiato i salatini che stavano sul tavolino del mio vicino al bar, credendo che lui se ne fosse andato lasciandoli lì incustoditi. Invece era solo andato in bagno.

    RispondiElimina
  4. hehehehe ... ve bè dai... ad esempio anche a me capita qualcosa del genere... cioè no, io non uso mica la gonna eh, ma nel senso che ogni tanto, al mattino , in metropolitana dopo esser stato lusingato dallo sguardo sorridente di qualche bella signora, scopro che invece nel vestirmi in fretta e assonnato avevo lasciato aperta la patta (cerniera dei calzoni)... però la figura peggiore che ricordo (ma chissà quante ne ho fatte) è stata giocando a pallone in strada (già negli anni '70 e primi '80 a milano si riusciva a farlo) quando feci un traversone perfettamente centrato sullo specchietto retrovisore di un'auto parcheggiata. lo specchietto si ruppe rotolando per terra e uno di quelli che era li a giocare con noi esclamò con un diminuendo dalla voce alta e quasi sorridente a quella bassa e preoccupata: "haha La mia macchina!... ha la ... mia macchina! ...la ... mia ... macchina...

    ecco, l'ultima fdm che ho rischiato è stata quella di scrivere questo commento sotto il post sbagliato

    RispondiElimina
  5. Una curiosità, Tinni: perché vai in bicicletta con la gonna? Ho notato che ci sono donne che vanno in bici anche con minigonne, con gonne lunghe, eccetera. La gonna mi dà l'idea che sia il peggior capo d'abbigliamento per andare in bici, eppure molte di voi la usano. Un bel mistero... :-)

    RispondiElimina
  6. Questa domanda è molto interessante e merita una risposta approfondita: sono alta 1, 60 e ho le gambe corte e pienotte; se mi metto i pantaloni (per i quali sono disposta a spendere fino a 50 euro massimo, quindi non posso comprare quelli che per magia ti fanno un bel sedere) sembro mediamente un sacchetto ripieno, mentre con la gonna riesco ad ottenere il voluto effetto di mascheramento dei miei difettucci. Lo so, non è comodissimo (anche se dipende molto dal modello, quella di ieri era la peggiore, ma una gonna, anche corta, ma larga, a ruota, non crea particolari problemi), però non mi va di fare, come ho fatto per anni, la sciattona e quella che si veste alla cavolo... anche la cura per se stessi è importante, forse un uomo fa più fatica a capirlo, ma per quanto mi riguarda il gioco vale la candela!
    Ho anche due nuove f.d.m. che ho fatto in passato e che mi sono venute in mente ora, ma le metterò in un prossimo post... Grazie a tutti, comunque, per la partecipazione e condivisione!!

    RispondiElimina
  7. Carissima, leggendo il tuo invito e successivamente tutti i post il mio cervello ha cominciato a frullare alla ricerca della mia peggriore f.d.m., e di conseguenza a passarle tutte in rassegna ... ohimè, non ne sono venuta a capo. Sostanzialmente il motivo fondamentale è che ne faccio giornalmente almeno un paio, cha variano dall'uscire in cabatte o con il cappotto al contrario, al confondere le persone a causa della mia vista da Acquila reale, ed ora che vivo in un paese straniero mi sono ritrovata anche a rispondere fishi per fiaschi perchè non capisco le domande che mi vengono rivolte.
    poi ci sono le clamorose, come quando sono andata in un negozio di caccia e pesca a chiedere quanti pesi deve avere una cintura da sub per mandare a fondo un cadavere senza specificare che lavoravo per un film, o quando per sbaglio ho mandato ad ALE S. invece che ad ALE il seguente messaggio: Amore mi prendi le sigarette ed il caffè prima di venire? e cerca di non fare tardi che sennò ti spello vivo stasera, ho una fame nera!!
    Con la piccola particolarità che quella S finale designava uno scenografo,non l'ospite atteso (accidenti a quest'abitudine romana di chiamare tutti Amore)
    Tuttavia, credo siano le reazioni quelle più degne di nota, perchè si possono classificare in modi diversi:
    1 quelli che fanno finta di nulla
    2 quelli che sgranano gli occhi e si accingono a chiamare la polizia
    3 quelli che ti reggono il gioco dandoti della pazza e compatendoti per la figuraccia che hai fatto...

    RispondiElimina
  8. Questo post attira le persone della peggior razza perchè ricorda questo: http://www.dvdessential.it/hv/3623/monella...

    ;)

    RispondiElimina