A proposito di:

interculturalità - scuola - letture - frivolezze - risparmio - letteratura greca - creatività - viaggi - giardinaggio .. e bizzarrie varie.

giovedì 9 settembre 2010

Alzi la mano, tra le esponenti del gentil sesso...

..chi ha ancora voglia di andare a comprare biancheria intima qui dopo essere stato bombardato per mesi e mesi con questa odiosissima pubblicità. Ora, io non vorrei fare sempre quella che lotta contro i mulini a vento, però, vi sembra davvero "dalla parte delle donne" - come recita lo spot, facendomi innervosire ogni volta, al termine del video soft-porno girato dalla fidanzatina di C. Ronaldo - un marchio che crea una pubblicità il cui scopo è evidentemente ed eminentemente quello di rallegrare e ringalluzzire la simpatica comitiva degli ormoni maschili (per dirla comunque in una maniera fine, perché, vi assicuro, ne avrei in mente di espressioni più colorite...)?
Passi pure che, come ogni volta, il corpo della donna in pubblicità sia statuario, irreale (i seni, OGGETTIVAMENTE, come diavolo farebbero, nella vivida realtà dominata dal principio di gravità, ad ergersi in quella maniera?!), levigato ed abbronzato. Passi anche che la pubblicità debba veicolare un minimo tasso di eroticità, visto che ormai la pubblicità dello yogurt ci ha insegnato che pur di vendere si può mettere dell'erotismo anche nella reclame di un lustrascarpe.
QUELLO che però mi urta e mi umilia è che, in una pubblicità mirata a vendere un prodotto unicamente per pubblico femminile, manchi del tutto la prospettiva del piacere, dell'intrattenimento e del desiderio femminile. Facciamo un esempio opposto: negli spot dei rasoi per la barba, di solito, compare sì un prestante individuo a torso nudo, ma, di solito, al termine della sua rasatura compare anche un'avvenente fanciullina che se lo spupazza o che gli occhieggia sensualmente: messaggio veicolato: "rasati con il rasoio xxy, e cuccherai a più non posso". Altro esempio, tornando al campo femminile: nelle pubblicità delle creme depilatorie per le gambe, di norma, alla fine la ragazza che si è avventurata nella propria tosatura riceve per lo meno in premio la carezza eccitante di un aitante ammiratore.
NULLA di tutto ciò nella pubblicità di intimissimi, dove la modella si atteggia a femme fatale e serve all'unico fine di risvegliare l'attenzione del maschio in poltrona; come può essere "dalla parte delle donne" uno spot che, se guardato da una coppia standard di fidanzati davanti alla tv, otterrà il solo scopo di suscitare il commento ammirato di lui e il conseguente senso di frustrazione di lei?

...per il resto, niente..tutto qui, volevo solo lanciare il mio grido di indignazione dell'etere. Grazie di avermi ascoltato, etere.

2 commenti:

  1. Per me non è poi così male... magari vogliono invogliare l'uomo a comprare per la propria donna (oppure ad entrare in negozio per vedere se le commesse sono tutte come la fidanzatina di C.Ronaldo).

    RispondiElimina
  2. Tralasciando il fatto che chi commenta è un maschietto e forse non è la persona più indicata per provare imbarazzo di fronte al corpo nudo femminile reso oggetto, lo ringraziamo comunque moooolto calorosamente del suo parere, sapendolo di norma così timido, e soprattutto di essersi nominato PRIMO FOLLOWER di questo blog!!!!!! Come premio gli verranno recapitate un paio di mutandine di intimissimi con la firma di...Cristiano Ronaldo.
    Un abbraccio Eugi!!!

    RispondiElimina