A proposito di:

interculturalità - scuola - letture - frivolezze - risparmio - letteratura greca - creatività - viaggi - giardinaggio .. e bizzarrie varie.

sabato 27 novembre 2010

Cosa altamente impopolare (bilanciata da idea geniale)

Bene, ora che l'ho detto nel titolo, mi sento al riparo come sotto al telo della serretta che ho comprato la scorsa settimana per il mio floreale balcone (bellissssssima!, uguale uguale a quella di CiceroCuce...si lo so, noi blogger pasubiane siamo un po' simbiotiche).
La cosa impopolare in questione è che io non trovo giusto che sia consentito dal codice della strada che cicli e pedoni circolino con la musica a palla nelle orecchie.
E tutto questo per un semplice motivo:
1.perché non sentono gli squilli di avvertimento di un campanelli di bici, magari un po' rugginoso come il mio; 2.perché non sentono il rumore di una bici o di un altro mezzo leggero che si avvicina e quindi constringono i conducenti dei suddetti mezzi a ricorrere al campanello di cui al punto 1.;
3.perché non sentono se qualcuno li chiama o li avverte di un pericolo;
4.perché non esiste una regola controllabile sul volume della musica nelle cuffiette e quindi, se la permetti, metti in conto che qualcuno la possa tenere a volume altissimo, tanto da coprire ogni altro suono stradale.
Anche a me, beninteso, piace camminare con la musica nelle orecchie, ed è per questo che, quando - presumo a breve - sarò diventata Capo del Mondo, proporrò una rapida ed efficace soluzione al dilemma:

"attrezzare le grandi città con autoparlanti ad ogni angolo, un po' come quando è Natale e si sente in giro Jingle Bells, ma meno stucchevole, ovviamente; ogni quartiere avrà la sua musica, sempre ad un volume udibile ma non fastidioso: il comitato del quartiere potrà decidere, magari con l'ausilio di votazioni primarie, se diventare il tempio del rock and roll, musica da camera, boogie woogie (please, via Pasubio, scegli questa!!!), reggae, soul e quant'altro. E così, soprattutto, la gente potrà finalmente canticchiare ad alta voce la melodia che sta ascoltando senza per questo essere sospettato di autismo e/o di disturbi della personalità, o senza nascondere - come per esempio ho sempre fatto io - la bocca sotto la sciarpa per non far percepire ai passanti il movimento delle labbra (con penosi risultati di sbavamento sul prezioso capo di abbigliamento)."

...Che ne dite?? Mi votereste? E, soprattutto, che musica vorreste per il vostro percorso pedonale più frequentato?

1 commento:

  1. si, sarebbe bello, però se a uno non piace quella musica li, da quella zona non ci passa più. e se poi nella via dove vivi decidono di mettere max pezzali o pavarotti, poi magari finisce che devi traslocare

    RispondiElimina