A proposito di:

interculturalità - scuola - letture - frivolezze - risparmio - letteratura greca - creatività - viaggi - giardinaggio .. e bizzarrie varie.

venerdì 12 settembre 2014

"Dieci (e molti più) libri fondamentali per la mia formazione" - una catena a puntate

Durante tutta la mia infanzia i pasti familiari si sono conclusi con una irrinunciabile ed avvolgente ritualità - quali ritualità, del resto, non lo sono? - che prevedeva, nell'ordine: la scelta - più o meno indotta dai settimanali approvvigionamenti parentali - di un dolce (gelato, cioccolato, merendina, frutta di stagione), l'accoccolamento in poltrona e una lettura avida, sbavante e compulsiva di qualche pagina di libro. Possibilmente un libro già letto, già masticato: da ruminare e digerire insieme alle calorie della cena.
Ed è così che ho ingerito tutte le centinaia di pagine che Bianca Pitzorno ha magistralmente scritto per le sue lettrici bambine ed adolescenti: dall' Incredibile storia di Lavinia passando per Polissena del porcello ed arrivando - alle soglie del ginnasio - all'inossidabile coppia Speciale Violante-Principessa Laurentina.
Sono questi i libri - il punto numero 1 di un catalogo ormai virale a dieci membri (sapete che è più forte di me, non so resistere alle liste) - che hanno guidato i miei primi passi affamati nell'incantato mondo della lettura come sommo piacere, come pausa di gioia, come dessert dopo i pasti. (E non avrei mai mangiato un gelato senza pagine e senza accoccolamento: non sarebbe stato certo lo stesso!).
Gli altri (forse) con qualche prossima puntata.

6 commenti:

  1. Che bello che la catena continui, grazie cara! A me la Pitzorno non piace granché, ma capisco che possa segnare, ed Extraterrestre alla pari fu oggetto di una delle più belle discussioni tra compagne di classe della mia scuola media. Aspettiamo il resto, allora!

    RispondiElimina
  2. E' bello sì! E anche ritrovare libri che si pensavano esclusivi nelle librerie altrui. Grazie a te per aver trasmigrato la catena qui nel mondo bloggico! P.s. oggi si è aggiunta anche una star che finora era stata molto restia alle comparsate: http://niculet.wordpress.com/2014/09/12/il-mestiere-di-leggere/

    RispondiElimina
  3. io, che sono più vecchietta, lessi Violante e Laurentina al tempo della scuola media: Speciale Violante fu, credo, uno dei primi libri acquistati da sola con le mie paghette (gran collana, comunque, la Gaja Junior).

    RispondiElimina
  4. Concordo appieno sulla Gaia junior. Io a volte PENSO di essere (a turno) Valentina, Vittoria o Barbara. O forse lo sono davvero??

    RispondiElimina
  5. Mamma mia Tinni, cosa mi hai fatto ricordare ... Grazie :-)

    RispondiElimina
  6. In cantina ho uno scatolone pieno di gaia junior!! E.B.

    RispondiElimina